Lo sapevi che una parte del nostro occhio è cieca?

Noi riusciamo a vedere perché la che colpisce gli oggetti è riflessa contro i nostri occhi, dove abbiamo potenti lenti che la piegano e la proiettano sulla , il fondo dell’. Nella retina stanno dei particolari , i , che rispondono all’intensità e al tipo di luce, fornendoci informazioni sul mondo e sugli oggetti a seconda di come la luce si comporti in relazione a questi. Infatti dai chiaroscuri possiamo individuare le forme, e dal tipo di luce riflessa, dalla sua lunghezza d’onda, i .

Tutto questo è abbastanza noto, ma quello che a molti sfugge è che la retina ha un buco, una zona dove i fotorecettori non esistono. Di fatto noi non vediamo alcun oggetto che cada in questo ‘buco‘, e ne abbiamo uno per ogni occhio.


Provate voi stessi: chiudete l’occhio destro e fissate con il sinistro la croce, allontanando ed avvicinando la testa lentamente. Ad una certa distanza il punto nero sparirà, perché caduto appunto nella zona cieca.

Da quando questo fenomeno è noto, ha stuzzicato l’attenzione anche di filosofi e psicologi, colpiti dal fatto che noi non notiamo di essere parzialmente ciechi, e il mondo ci appare senza buchi. Probabilmente il cervello riempie i buchi, oppure semplicemente ciò che non c’è non ci appare. Resta che pazienti con lesioni alla retina spesso non se ne accorgono, trovandosi a urtare in oggetti che non hanno visto!
Lasciando aperto l’ultimo punto, conoscono bene, invece, la spiegazione anatomica del mistero. I fotorecettori giacciono sul fondo della retina, e i nervi ottici, che portano informazione al cervello, si staccano verso l’interno dell’occhio. I nervi ottici, però, devono tornare indietro e per questo attraversano un buco nello strato di fotorecettori, appunto la ‘‘.

Un pensiero su “Lo sapevi che una parte del nostro occhio è cieca?

  1. Pingback: diggita.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *